Marzo 3, 2024

Nerd4Speed

Nerd amanti delle 4 ruote

Il futuro delle auto elettriche: una svolta verso la sostenibilità?

Il settore automobilistico sta vivendo una trasformazione epocale grazie all’avvento delle auto elettriche. Nel 2022, il numero di auto elettriche vendute ha superato i 10 milioni, e si prevede che entro il 2027 raggiungeranno la cifra di 16 milioni. Questo cambiamento rappresenta un passo fondamentale verso la sostenibilità e l’abbandono dei combustibili fossili. Tuttavia, ci sono ancora ostacoli da superare e molte sfide da affrontare lungo questa strada.

 

Il mercato delle auto elettriche

Attualmente, il mercato delle auto elettriche è dominato da Cina, Stati Uniti ed Europa, che rappresentano oltre il 90% delle vendite globali.

La Cina è il principale attore, con 3,5 milioni di veicoli elettrici venduti nel 2021, seguita dagli Stati Uniti e dalla Germania. Tuttavia, la penetrazione delle auto elettriche rispetto alla popolazione è più elevata in Norvegia, dove l’86% delle auto vendute sono elettriche, seguita da Islanda, Svezia e Danimarca.

L’importanza dell’adozione di massa

Negli Stati Uniti, si è finalmente superata la soglia del 5% di auto elettriche vendute rispetto al totale delle vendite, segnando l’inizio dell’adozione di massa. Questo è un passo significativo considerando che gli Stati Uniti sono uno dei maggiori inquinatori legati al settore automobilistico.

La Norvegia, invece, è stata la prima nazione a raggiungere questa soglia nel 2013. Pensate 10 anni fa!

Sostenibilità e auto elettriche

Le auto elettriche emettono meno emissioni rispetto a quelle a combustione interna grazie all’utilizzo di un mix di fonti energetiche, comprese le rinnovabili. Tuttavia, c’è ancora molto da fare per rendere le auto elettriche completamente sostenibili. L’estrazione di materiali come il litio e il cobalto, utilizzati per le batterie, possono causare problemi ambientali e di sfruttamento dei lavoratori. È necessario investire nel riciclo delle batterie e ridurre l’utilizzo di questi materiali. Inoltre l’energia usata per produrre elettricità deve puntare a provenire da fonti rinnovabili, altrimenti si sposterebbe solo il problema dell’inquinamento dai centri urbani ai luoghi di produzione dell’energia, senza contare il peso ambientale delle automobili a combustione dismesse, e forse questo è uno dei problemi più spinosi: che fine faranno le auto a combustione dismesse? Verranno “riciclate” in quei mercati dove ancora sarà possibile circolare con auto a combustione o diventeranno un rifiuto difficile e costoso da smaltire o riutilizzare?

 

Il settore delle auto elettriche rappresenta una svolta verso la sostenibilità e la riduzione delle emissioni. Nonostante le sfide ancora presenti, l’adozione di massa delle auto elettriche è in aumento e la tecnologia sta progredendo verso un futuro di mobilità sostenibile.

È fondamentale continuare a pensare ai veicoli elettrici come il futuro della mobilità, seguendo a studiare soluzioni con il minor impatto ambientale possibile.  Ma la soluzione alla sostenibilità e all’inquinamento ambientale non può solo essere ricercata dal settore auto, anzi fino a quando non ci sarà una sinergia di intenti tra vari settori, come l’urbanistica ad esempio, non si potrà parlare di progresso. E’ inutile produrre auto elettriche e pensare di continuare ad usare l’automobile allo stesso modo, bisognerà cambiare il modo di uso dell’auto e devono intervenire elementi che non hanno nulla a che vedere con il mondo dell’auto. In poche parole è inutile produrre auto elettriche quando chi la utilizza dovrà comunque attraversare la città per recarsi al lavoro!  Anzi sarei tentato dal dire che se cambiasse la mentalità, e come sono organizzate le città e il lavoro, non ci sarebbe assolutamente bisogno delle auto elettriche.

Voi cosa ne pensate?