Ottobre 1, 2022

Le 7 migliori aziende di auto elettriche

La crescita costante del settore delle auto elettriche lo ha reso, da un punto di vista finanziario uno dei più allettanti, tanto che è guardato con un certo interesse da numerosi investitori e analisti.

A questo proposito gli analisti basandosi sulla raccolta di dati oggettivi, hanno individuato le migliori aziende di auto elettriche su cui investire.

Tesla

La prima è ovviamente Tesla, regina indiscussa delle auto elettriche che ha fatto da apripista al settore. L’azienda di Elon Musk, infatti, è leader per la produzione di auto 100% elettriche e non ha caso ha la capitalizzazione maggiore.

Inoltre è un ottimo titolo su cui investire perché la società è sempre volta all’innovazione e quindi al miglioramento dei suoi prodotti in termini di efficienza di sviluppo.

Nio

Nio fondata nel 2014 è una casa automobilistica cinese specializzata nello progettazione, e produzione di veicoli elettrici Infatti è un gradino più in basso di Tesla sul podio dei produttori di auto elettriche, ma sembra essere decisa a contendere alla creatura di Musk, il primo posto, visto la rapidità con la quale avanza sui mercati. 

General Motors

General Motors è una delle più longeve aziende automobilistiche al mondo, fondata nel 1908, ha prodotto vetture per i migliori marchi.

Una vita lunga dicevamo, segnata però da alti e bassi, specialmente negli ultimi 20 anni, ma da qualche anno si sta riprendendo grazie ai piani futuri che prevedono lo sviluppo di veicoli ecosostenibili.

La multinazionale GM, ha da poco dichiarato di voler aumentare gli investimenti nell’elettrico del 30% segnando un punto d’inizio nuovo per la società, e una nuova crescita per le azioni che diventano sempre più allettanti agli occhi degli investitori per le ottime prospettive di incremento futuro dei guadagni.

Volkswagen

L’azienda automobilistica tedesca Volkswagen produce autovetture dal 1937 ed è attualmente una delle più conosciute al mondo, con sedi in tutti e 5 i continenti e collaborazioni con i marchi più prestigiosi del settore automobilistico. Dopo lo scandalo del Diesel Gate e dopo aver subito la perdita del 35% del valore delle proprie azioni durante il 2020 a causa della pandemia, Volkswagen non si è arresa ed è tornata in pista con nuove idee di sviluppo e crescita, principalmente volte alla commercializzazione di auto ibride ed elettriche più accessibili, con l’intento, anche lei di contendere il primato al Tesla.

BMW

BMW è la celeberrima multinazionale tedesca, leader nel settore automobilistico da più di un secolo. Anche BMW si è attivata per essere presente nel mercato con automobili di nuova generazione, investendo nella ricerca di tecnologie avanzate per lo sviluppo di veicoli smart a guida autonoma. 

Nonostante il crollo del febbraio 2020, il gruppo è riuscito a riprendersi velocemente segnando un aumento delle vendite del 35% nel primo semestre del 2021.

Volvo

Volvo è il gruppo svedese nato nel 1927, (adesso inglobata nella cinese Geely), celebre per la sua costante innovazione specialmente nel settore della sicurezza automobilistica, impegnato non solo nella produzione e distribuzione di automobili, ma anche di camion di cui è il primo produttore europeo per volumi di vendite.

Volvo attualmente è impegnata nello sviluppo di auto ibride, ma ha annunciato l’intenzione di voler aumentare la produzioni di veicoli ecologici progressivamente fino al 2030, anno in cui si dedicherà esclusivamente ai veicoli elettrici. Il titolo mostra ottime prospettive specialmente per investimenti a lungo termine.

Stellantis

Stellantis è dalla fusione tra FCA e PSA, due importanti aziende automobilistiche. Nel 2021 Stellantis si è affacciata nel panorama finanziario, mostrando di essere uno dei titoli più interessanti del momento. Anche in questo caso la società, ha previsto importanti investimenti nel campo della ricerca, dello sviluppo e dell’innovazione per la realizzazione di auto elettriche di nuova concezione, che contribuiranno sicuramente alla crescita della Stellantis ed ovviamente del titolo.

Come Comprare i titoli di queste 7 compagnie

Detto questo arriviamo al punto del discorso, ovvero come fare ad acquistare i titoli di queste 7 compagnie.

Nei post precedenti abbiamo introdotto la piattaforma di trading eToro, già trattando delle azioni Tesla, e successivamente parlando dell’argomento trading ed auto elettriche, perchè la riteniamo la piattaforma di trading più sicura e facile da utilizzare.

eToro offre la possibilità di imparare e per così dire “farsi le ossa” grazie all’account demo, che permetterà agli utenti meno esperti di operare sui mercati con monete fittizie, per capire come muovere i primi passi.

A contribuire alla diffusione di eToro, oltre gli aspetti già citati, è stato il concetto di social trading.

Il social trading è in parole povere una finestra aperta sull’operato dei trader con maggiore esperienza, che mostrano a tutti i loro movimenti e che quindi possono essere imitati con quello che viene definito copy trading.

I 7 titoli che vi abbiamo presentato sopra sono disponibili tutti su eToro (iscriviti qui)

eToro è una piattaforma multi-asset che offre investimenti in azioni e criptovalute, oltre al trading di CFD.
Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e, a causa dell’effetto leva, comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente. Il 68% degli investitori perde denaro quando fa trading di CFD. Assicurati di aver capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio di perdere il tuo denaro.
Le performance passate non sono un’indicazione dei risultati futuri. La storia di trading mostrata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per una decisione di investimento.
Copy Trading è un servizio di gestione del portafoglio fornito da eToro (Europe) Ltd. che è autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.
Le criptovalute sono strumenti volatili che possono fluttuare notevolmente in un tempo molto breve e non sono quindi adatte a tutti gli investitori. A differenza dei CFD, il trading di criptovalute non è regolamentato e quindi non è monitorato da alcun quadro normativo dell’UE.

Ovviamente la raccomandazione resta sempre valida: siate cauti, specialmente se operate in CFD, perchè (non ci stancheremo mai di ripeterlo) non esistono investimenti sicuri! Iscrivetevi ma tenete bene in mente la semplice regola di investire solo i soldi che siete disposti a perdere.