Ottobre 1, 2022

Audi Grandsphere Concept

La Audi grandsphere è il concetto di Audi di come sarebbe una futura berlina di lusso. È molto grande, è elettrico ed è autonomo . Secondo Audi, la Grandsphere “passa dall’essere strettamente un’auto a diventare un vero e proprio ‘dispositivo di esperienza’”.

Fa parte di una famiglia di tre prototipi, uno dei quali è stato mostrato per ora, l’ Audi skyphere (una cabriolet a due posti la cui carrozzeria, anche molto grande, cambia in lunghezza). L’ultima sarà l’ Audi urbansphere .

La grandsfera misura 5,35 metri (larga 2 metri e alta 1,39) e ha quattro porte. Tra l’anteriore e il posteriore non c’è nessun montante nella struttura . Il veicolo riconosce l’utente, apre automaticamente la porta corrispondente e si configura secondo i suoi gusti (sedili, illuminazione, intrattenimento). Il passo è molto lungo (3,19 m, sei centimetri in più rispetto a quello di un’Audi A8 con passo lungo ) che dovrebbe consentire un abitacolo molto ampio in senso longitudinale, sebbene Audi parli di una configurazione 2+2 , che è quella usata per coupé con sedili posteriori piccoli.

Questa distanza tra gli assi consente di posizionare una batteria di grande capacità (120 kWh) in un formato piatto. La batteria alimenta due motori, uno per asse ruota, che sviluppano una potenza massima di 720 CV e 960 Nm . La batteria si ricarica fino a 270 kW e secondo Audi, con 10 minuti si possono raggiungere 300 km di autonomia. Ciò significherebbe che il consumo medio sarebbe di 15 kWh/100 km. L’autonomia totale è di 750 chilometri .

La concept car è stata progettata sulla base della piattaforma elettrica premium di Audi . La sospensione, multi-link su tutte le ruote, ha molle ad aria a camera singola (non quella a tre camere dell’Audi e-tron GT ). Secondo Audi, questa sospensione può alzare o abbassare ogni ruota in millisecondi per controllarne la posizione e tiene conto delle condizioni della strada attraverso l’uso di una telecamera frontale.

L’auto è dotata di guida autonoma di livello quattro . Ciò significa che il conducente può disimpegnarsi completamente dalla guida in alcune situazioni . Quando questo è il caso, il volante è un elemento non necessario ed è nascosto dietro il display del cruscotto (una sezione viene aperta e inserita in esso). Anche i pedali scompaiono per liberare l’area dei piedi.

La gestione delle varie funzioni della vettura avviene senza l’utilizzo delle mani. Tramite la visualizzazione ( tracking oculare , «eye-tracking») è possibile utilizzare i menu (l’intero cruscotto è un grande schermo curvo). Sulla portiera sono presenti i comandi fisici (risposta MMI touchless), ma azionabili anche tramite gesture quando l’auto funziona in modalità autonoma. Oltre alla manipolazione tramite gesti, vista o tatto, Audi grandsphere reagisce alle istruzioni orali .

La griglia si trova dietro una copertura di plastica trasparente ed è illuminata, così come gli anelli dello stemma Audi, sia davanti (in bianco) che dietro (in rosso). Il soffitto è in vetro. Audi ha utilizzato materiali tessili (sintetici, senza pelle), legno, metallo e lana per le finiture interne.